Un Prato in Verde: Oli essenziali: ritorno alla natura per curare


Estratti di timo e cannella al posto degli antibiotici: un`alternativa più economica, efficace e naturale per combattere i batteri resistenti ai farmaci sperimentata dai ricercatori greci del Technological Educational Institute delle isole Ionie e presentata all`incontro Society for General Microbiology  a Edimburgo in primavera.
Gli oli essenziali si sono dimostrati infatti potenti agenti antibatterici, in grado di sconfiggere i microrganismi della specie degli stafilococchi. Si tratta di un ceppo di batteri che, immobili e di forma sferica, vivono abitualmente sulla cutre umana e nelle cavità nasali e orali e possono essere responsabili dell`insorgenza di infezioni in individui immunodepressi. In particolare, la varietà dello staffilococco “aureus” è risultata resistente ai principi attivi farmacologici e difficile da debellare.
Gli oli essenziali costituiscono quindi, a detta degli studiosi, una terapia priva di controindicazioni, che permette di diminuire l`assunzione di antibiotici e pertanto evitare che si sviluppino batteri a questi resistenti: le loro proprietà medicamentose sono infatti note da secoli contro acne, forfora, pidocchi o infezioni.
Un futuro farmaco? – Un nuovo ingrediente da aggiungere alla ricetta dei farmaci in commercio, secondo i ricercatori che hanno effettuato i test: “I principi attivi degli oli essenziali potrebbero essere aggiunti a creme antibiotiche per applicazioni esterne o utilizzati nell`industria alimentare per sostituire i prodotti chimici in uso per preservare i cibi dall`azione nociva dei batteri”.

Un Prato in Verde: Oli essenziali: ritorno alla natura per curare.

Annunci