Raffaello Baldini, Un sussurro


Un susórr

A n dégg e’ paradéis, ch’e’ sarébb tròp,

t mór e t vé drétt in paradéis, dài, zò,

u n s pò, l’è una pretàisa,

e’ purgatóri, ècco,

mè la m’andrébb da sgnòur, che e’ purgatóri,

e’ pèr acsè,

mo u n’è mégga, la zénta i cràid ch’e’ séa

una sèla d’aspèt, e’ purgatóri,

ta t péurgh dabón, la è gnara,

u n’è l’inféran, zért,

che l’inféran, burdéll,

quant a i péns, s’u n’i fóss e’ purgatóri,

sno paradéis e inféran,

catéiv cmè ch’a sémm tótt,

s’na cativeria instècca, mè dal vólti

ch’a sint a déi: a l’inféran i è póch,

e in paradéis, u m vén da déi, quant’èi?

ancòura minch, mo pu u i è e’ paradéis?

se tanto mi dà tanto,

l’è mèi sté zétt, va là, ch’ s’u m sint don Primo,

cumè, u n gn’è e’ paradéis? mo a géva acsè,

u s fa par déi, l’è un mònd,

quèst, u s vàid ad cal robi,

ènca se pu

u n’è, dài, a n sémm tótt di slabazír,

u i è ’nch’ dla bóna zénta,

ci sono anche le persone oneste,

no, mè, la mi paéura,

che la paéura, in fònd, l’è un pó ch’a i péns,

s’ t’é paéura ad qualquèl,

la paéura e’ vó déi ch’u i è qualquèl,

fóss ènch’ l’inferan, l’è qualquèl, o no?

ch’e’ fa paéura, mo l’è una paéura,

cma s pòl déi? ècco, sè, ch’ la à un fundamént,

l’è un segnèl, l’è cmè quant ma la staziòun

e’ sòuna e’ campanèl, cs’èll ch’e’ vó déi

e’ campanèl? che sta par arivé

e’ treno, ch’u i è un treno,

invíci, parchè adès la nòta a m svégg,

pu a m’indurmént, pu a m svégg, e ò di mumént,

mo l’è un’èlta paéura, l’è cmè quant

t’un insógni t casch e ta n’aréiv mai,

o ch’i t dà dri, che s’i t’aciapa, e tè,

córr córr, t si sémpra alè,

cl’èlta l’è una paéura ch’ t’un zért séns,

la t fa ènca cumpagnéa, quèsta no,

quèsta, t si da par tè,

che pu l’è tentaziòun, al vén ma tótt,

e l’è ’nca zchéurs ch’ ta i é sintí méll vólti,

ch’i n vó di gnént, l’è tótt buséi, sno che,

al tre dla nòta,

che ad nòta al robi al dvénta,

pu al tentaziòun, e’ dièval e’ sa fè,

l’è cmè t fóss tè, cmè ch’al t’avnéss da dréinta,

amo, se no che tentaziòun sarébbal?

ch’u t vén in mént cla vólta, quant t’é vést

l’usèri, te campsènt,

un camaròun pin d’òsi,

òsi purséa, una muntagna d’òsi,

e alè te lèt, che ta l sé ch’u n’è vèrra,

che la matéina dòp ta n’i pens piò,

parchè e’ dè l’è un èlt mònd,

u i è e’ sòul, l’è frèdd, capòt, capèl, scialètta,

capucino sla s-ciómma, t’é d’andè

ad tènt ’d chi póst, t’incòuntar un sgraziéd,

ta i fé la carità,

mo ad che mumént,

quèll l’è un mumént, te schéur, ta i si sno tè,

e u t pèr d’ sintéi ’na vòusa, éun ch’u t déi

pièn, t’un susórr:

u n gn’è gnénca l’inféran, u n gn’è gnént.

Un sussurro.

Non dico il paradiso, che sarebbe troppo, | muori

e vai dritto in paradiso, dài, su, | non si può, è una pretesa, | il purgatorio,

ecco, | a me mi andrebbe da signore, che il purgatorio, |

pare così, | ma non è mica, la gente crede che sia | una sala

d’aspetto, il purgatorio, | ti purghi davvero, è dura, || non è l’inferno,

certo, | che l’inferno, ragazzi, | quando ci penso, se non ci

fosse il purgatorio, | solo paradiso e inferno, | cattivi come siamo

tutti, | con una cattiveria di fondo, io delle volte | che sento dire:

all’inferno sono in pochi, | e in paradiso, mi viene da dire, quanti

sono? | ancora meno, ma poi c’è il paradiso? | se tanto mi dà tanto,

| è meglio star zitti, va’ là, che se mi sente don Primo, | come,

non c’è il paradiso? ma dicevo così, | si fa per dire, è un mondo, |

questo, si vedono di quelle cose, – anche se poi | non sono, dài,

non siamo tutti dei delinquenti, | c’è anche della buona gente, | ci

sono anche le persone oneste, | no, io, la mia paura, | che la paura,

in fondo, è un po’ che ci penso, | se hai paura di qualcosa, | la

paura vuol dire che c’è qualcosa, | fosse anche l’inferno, è qualcosa,

o no? | che fa paura, ma è una paura, | come si può dire? ecco,

sì, che ha un fondamento, | è un segnale, è come quando alla stazione

| suona il campanello, cosa vuol dire | il campanello? che sta

per arrivare | il treno, che c’è un treno, || invece, perché adesso la

notte mi sveglio, | poi mi addormento, poi mi sveglio, e ho dei momenti,

| ma è un’altra paura, è come quando | in sogno cadi e non

arrivi mai, | o che t’inseguono, che se ti prendono, e tu, | corri, corri,

sei sempre lì, | l’altra è una paura che, in un certo senso, | ti fa

anche compagnia, questa no, | questa, sei solo, | che poi sono tentazioni,

vengono a tutti, | e sono anche discorsi che li hai sentiti mille

volte, | che non vogliono dir niente, sono tutte bugie, solo che,

| alle tre di notte, | che di notte tutte le cose diventano, | poi le tentazioni,

il diavolo ci sa fare, | è come fossi tu, come ti venissero da

dentro, | e beh, se no che tentazioni sarebbero? || che ti viene in

mente quella volta, quando hai visto | l’ossario, al cimitero, | un camerone

pieno d’ossa, | ossa alla rinfusa, una montagna d’ossa, | e

lì nel letto, che lo sai che non è vero, | che la mattina dopo non ci

pensi più, | perché di giorno è un altro mondo, | c’è il sole, è freddo,

cappotto, cappello, sciarpa, | cappuccino con la schiuma, devi

andare, | in tanti di quei posti, incontri un disgraziato, | gli fai la carità,

– ma in quel momento, | quello è un momento, al buio, ci sei

solo tu, | e ti pare di sentire una voce, uno che ti dice | piano, in

un sussurro: | non c’è neanche l’inferno, non c’è niente.

La poesia “Un susórr” è tratta da Intercity, Einaudi 2003.

Annunci