Lo SHALE GAS: spremere la Terra più del petrolio fin qui estratto – La politica mondiale energetica mette in campo IL NUOVO GAS estratto dalla disintegrazione delle rocce profonde – E’ il messaggio che LO SVILUPPO DELLE FONTI RINNOVABILI non è ancora l’obiettivo primario per una vera riconversione ecologica


Geograficamente

   SHALE GAS è un tipo di gas estratto attraverso la frantumazione di rocce profonde, considerato da molti Paesi, e non solo europei, come la fonte energetica più promettente nel prossimo futuro. E’ estratto dalle rocce col cosiddetto metodo del “FRACKING”. Che sarebbe, il fracking, una tecnologia che serve ad estrarre gas e petrolio dall’interno delle rocce più recondite nelle viscere della terra; attraverso una perforazione non verticale, dall’alto in basso come sempre fatto, bensì orizzontale: cioè la trivella scava sì un pozzo in verticale nel sottosuolo ma poi devia a 90 gradi ed entra in lunghi ma poco spessi strati di roccia che come spugne solide imprigionano idrocarburi, gas e petrolio e “li libera”, li porta in superficie.

   Perché tentiamo qui di spiegare succintamente cos’è lo SHALE GAS e come si estrae dalle rocce profonde del sottosuolo? PERCHE’ COSI’ ANDIAMO A PARLARE DI GEOPOLITICA E DI DISTRUZIONE AMBIENTALE…

View original post 5.139 altre parole

Annunci