Un po’ di tempo con il prossimo


Una casa sulla roccia

appuntamentoabelleville40

di Costanza Miriano
 
Amare il povero bambino africano derelitto è abbastanza facile, amare la vecchia zia noiosa con la frutta finta sulle scarpe non tanto. Nel primo caso il cuore si stringe, le emozioni fluiscono facili. Tanto che ci costa? Il povero bambino sta di là dal mare, non è molesto, e aiutarlo, che è comunque una cosa buona e santa, ci fa stare bene.

La vecchia zia, essendo reale, è piena di difetti. Anche noi lo siamo, è per questo che ci dà fastidio qualcuno che ce lo ricordi, cosa che succede se la frequentiamo. Lo sa bene il diavolo, che – come racconta C.S. Lewis ne Le lettere di Berlicche – ci sussurra alle orecchie parole malevole, per farci notare i difetti del vicino di panca in chiesa, i suoi vestiti ordinari o il cattivo odore che emana.

View original post 218 altre parole

Annunci